SciAlpino-Cortina(1)

SPORT 2021: Imprese, tecnologie, eventi. Innovazione e montagna, un’occasione mondiale.

By | News | No Comments

Continua il ciclo di appuntamenti organizzati da Vertical Innovation e in quest’occasione saremo presenti anche noi!

Il 16 novembre a a Montebelluna (Treviso), nel cuore di quello che viene definito «il distretto dello scarpone», si terrà l’evento “Sport 2021. Imprese, tecnologie, eventi: innovazione e montagna, un’occasione mondiale”.

Tecnologie, eventi, materiali: come sarà lo sport del 2021? Un mix di innovazione e fattore umano, ben rappresentato dai protagonisti dell’incontro che si confronteranno con Luca Barbieri, direttore editoriale Vertical Innovation: Riccardo Donadon, presidente Fondazione Cortina 2021; Rainer Senoner, presidente Saslong Classic Club; Andreas Winkler, responsabile Sports & Winter Technologies IDM; Armin Zoeggeler, olimpionico di slittino e responsabile innovazione materiali FISI.

Per partecipare, è sufficiente registrarsi a questo link.
Vi aspettiamo numerosi!

cortina_legacy

Cortina 2021: un progetto con una forte legacy infrastrutturale

By | News | No Comments

In seguito alle notizie diramate oggi, riguardanti lo stralcio delle garanzie e dei fondi per i Mondiali di Cortina del 2021 e la Ryder Cup di golf del 2022 dalla nuova Legge di Bilancio, Fondazione Cortina 2021 è certa del sostegno delle istituzioni e dei privati ai Mondiali del 2021.

In particolare Fondazione Cortina 2021, ricorda che i Mondiali del 2021 lasceranno un’eredità di conoscenze ed esperienze, anche di innovazione, importanti per il territorio e il mondo dello sci. Quanto alla legacy infrastrutturale, gli investimenti riguarderanno infrastrutture plurifunzionali, che potranno essere utilizzate per un lungo periodo e non solo nei pochi giorni delle gare, quindi esclusivamente infrastrutture necessarie e utili per la comunità.

“Il 100% degli interventi infrastrutturali nelle aree di gara sono destinati a migliorare e ampliare il comprensorio sciistico e collegare meglio gli impianti, riducendo l’uso di macchine per arrivare alle piste da sci. Degli 8,8 km di piste interessate dalle gare, solo 300 metri (la partenza maschile) sono esclusivamente a uso agonistico, ovvero il 3,4%” – dichiara Paolo Nicoletti, Amministratore Delegato di Fondazione Cortina 2021. “Tutti gli altri interventi infrastrutturali in città e sulla viabilità verso Cortina, sono interventi necessari per le comunità coinvolte ed è più efficace e conveniente realizzarli in occasione del Mondiale, per la capacità di questo evento di catalizzare l’attenzione di istituzioni e privati.”

foto milano sport

Forum Sport e Business del Sole 24 Ore

By | News | No Comments

Paolo Nicoletti, Amministratore Delegato di Fondazione Cortina 2021, sarà tra gli ospiti del Forum Sport e Business che si terrà domani presso la sede del Sole 24. Il suo intervento è previsto alle ore 17 nella sessione “I grandi eventi nei prossimi anni”.

Sistema sportivo e mercato in forte evoluzione: è questo il focus del Forum Sport e Business. L’obiettivo è quello di creare un momento di incontro e dibattito su dinamiche economiche, aspetti finanziari, giuridici, manageriali del mercato: dai mega trend nella sport industry allo stato dell’arte del sistema sportivo italiano sul fronte governance, fonti di finanziamento e ruolo del settore pubblico, dagli aspetti chiave che riguardano costruzione e gestione degli impianti sportivi ai cambiamenti in atto nella comunicazione dello sport system. Un focus particolare sarà dedicato al mondo del calcio ed ai grandi eventi che attendono il settore nei prossimi anni.

Tra i protagonisti di riferimento del settore interverranno Angelo Binaghi, Presidente della Federazione Tennis, Alberto Miglietta, Amministratore Delegato di Coni Servizi, Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Carlo Tavecchio, Presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, Andrea Abodi, Presidente della Lega Calcio Serie B, Mauro Baldissoni, Direttore Generale AS Roma, Javier Adelmar Zanetti, Vicepresidente F.C. Internazionale Milano, Maurizio Beretta, Presidente della Lega Calcio Serie A.
Special guest dell’evento saranno Matteo Aicardi, Vice Campione Olimpico Nazionale Italiana Pallanuoto, Alessandro Campagna, Commissario Tecnico Nazionale Pallanuoto Maschile, Elisa Di Francisca, Argento fioretto individuale a Rio 2016 e oro a Londra 2012, e Federico Morlacchi, nuotatore, vincitore di sette medaglie paralimpiche.

Per maggiori informazioni http://eventi.ilsole24ore.com/forum-sport

fisi

Fondazione Cortina 2021 a FISI in Tour a Bolzano

By | News | No Comments

Fondazione Cortina 2021 sarà presente il prossimo 14 Ottobre all’appuntamento Fisi in Tour 2016 a Bolzano.

Sarà la prima uscita pubblica per i campioni sci alpino, ma anche di tutte le altre discipline federali:
slittino, biathlon, salto, bob, sci nordico, combinata nordica, freestyle e snowboard.

Per Fondazione Cortina 2021 parteciperà Paolo Nicoletti, Amministratore Delegato di Fondazione Cortina 2021, che sarà a Bolzano anche per la serata di lancio della stagione presso il Museion, alla quale parteciperanno gli atleti di Coppa del Mondo di tutte le discipline federali, Sponsor, Stampa, ospiti, autorità locali e istituzioni.

Cortina 2021 St Moritz e Zurigo Final Inspection

Fondazione Cortina 2021: una settimana di incontri e seminari a St Moritz e a Zurigo

By | News | No Comments

Michele Di Gallo, Giorgio Gaspari e Adolfo Menardi della Fondazione Cortina 2021 hanno partecipato all’ispezione finale di FIS ed EBU a St. Moritz, nel corso della quale si è verificato l’avanzamento dei lavori e i preparativi del Mondiale di sci 2017, evento che animerà la cittadina svizzera a partire dal 6 febbraio 2017.

Effettuata una visita alle piste di gara, l’ispezione all’area traguardo e alle strutture e soluzioni logistiche programmate per i prossimi Mondiali di sci alpino, la delegazione di Cortina 2021 si è poi spostata a Zurigo per il FIS Autumn Meeting. A Zurigo si sono incontrati e confrontati i Comitati organizzatori dei mondiali dei prossimi anni, e precisamente gli organizzatori dei Mondiali di Sci Nordico 2017 (Lahti – Finlandia), gli organizzatori dei Mondiali di Snowboard Freestyle 2017 (Sierra Nevada – Spagna), gli organizzatori dei mondiali delle diverse discipline per gli anni 2019 (Are, Seefeld e Park City) e 2021 (Cortina e Obersdorf). Durante la tavola rotonda si sono trattati diversi temi e si sono condivise le “best practice” e le problematiche più ricorrenti. L’incontro fa parte del progetto FIS denominato “Transfer of Knowledge” finalizzato appunto a trasferire e condividere conoscenze ed esperienze.

Il 1° ottobre si tiene, sempre a Zurigo, il periodico incontro dell’Alpine Committee FIS durante il quale i Comitati organizzatori dei prossimi grandi eventi degli sport invernali (Mondiali e Giochi Olimpici) presenteranno lo stato di avanzamento dei rispettivi progetti, dando evidenza dello stato dell’arte delle attività svolte soprattutto dal punto di vista tecnico. A rappresentare la Fondazione e a presentare il progetto di Cortina 2021 ci sarà l’Amministratore Delegato Paolo Nicoletti.

Cortina2021_FIS_Coordination_group

Primo “Coordination Group Meeting” tra Fondazione Cortina2021, FIS, FISI e Infront

By | News | No Comments

Si è chiuso oggi il primo incontro di coordinamento tra il comitato organizzatore di Cortina 2021, la FIS, Infront e FISI, che ha visto la partecipazione di: Paolo Nicoletti (Amministratore Delegato di Fondazione Cortina 2021), Sarah Lewis (Segretario Generale di FIS), coadiuvata dai race director della Coppa del mondo maschile e femminile, Markus Waldner e Atle Skaardal; Massimo Rinaldi, direttore sportivo dello sci alpino FISI e i rappresentanti di Infront.

Il primo giorno è stato dedicato ai sopralluoghi alle aree dei futuri traguardi di Rumerlo e Drusciè, oltre al sito del TV compound di Ronzuos ed è stato condiviso con i presenti il programma dei lavori che interesseranno le diverse aree, tra cui l’Olympia delle Tofane e la nuova pista Vertigine. A seguire un meeting operativo contraddistinto da un clima molto positivo e collaborativo tra le diverse realtà presenti, in cui sono state condivise le attività svolte ad oggi dalla Fondazione Cortina 2021 e le prossime priorità operative: è stato fatto un punto sullo stato di avanzamento dei lavori nelle aree sportive e sulla viabilità; sono state presentate le strategie di marketing e comunicazione che porteranno alla definizione del nuovo logo e degli eventi che verranno realizzati dalla Fondazione Cortina 2021. Infine è stata fatta una panoramica sull’area finanza e sull’area operations, con cenni ai temi della ricettività, dei trasporti e del reclutamento dei volontari.

Il secondo giorno è stato invece scandito da meeting specifici, con un particolare focus sulle tematiche riguardanti le infrastrutture e le attività di marketing & comunicazione.

“Abbiamo constatato che sono stati realizzati concreti passi avanti, a solo tre mesi dalla assegnazione del Mondiale avvenuta a giugno a Cancun. Siamo molto soddisfatti dell’impegno dimostrato dalla Fondazione Cortina 2021 fino ad oggi e del programma che ha presentato in questi giorni. Abbiamo anche preso positivamente atto del grande lavoro svolto dal Commissario di Cortina De Rogatis e dai suoi collaboratori, e abbiamo avuto l’opportunità di incontrare le Autorità, che a tutti i livelli, nazionale e locale, seguono con grande attenzione il progetto” afferma Sarah Lewis, Segretario Generale di FIS. “Il progetto è grande, ambizioso e innovativo. Ci piace anche l’intenzione della Fondazione di coinvolgere gli atleti e i giovani nel progetto, perché questa sarà una delle legacy dei Mondiali. Ora è necessario continuare a collaborare attivamente e a stretto contatto, coma già avvenuto, in modo che la strada verso Cortina 2021 sia proficua e che ogni passaggio realizzato assieme possa portare valore.”

“Abbiamo fatto sopralluogo sulle piste e siamo molto soddisfatti di quanto verrà realizzato. Anche il disegno del progetto dell’area di arrivo Rumerlo è molto interessante, con una struttura che ha una proiezione che va oltre i 15 giorni del mondiale e che un domani potrà essere utilizzata anche per altri eventi non necessariamente sportivi. Un’arena naturale che potrà ospitare manifestazioni e concerti sia d’inverno che d’estate” dichiara Markus Waldner, race director della Coppa del Mondo maschile. “L’area 5 Torri, in occasione del mondiale, sarà teatro delle gare di qualificazione, ma anche questo caso la legacy prevede che in futuro questa diventi l’area di allenamento per sci club  e i campioni della nazionale.”

“Ringrazio FIS e Infront: sono stati due giorni di lavoro intensi, interessanti e molto proficui” dichiara Paolo Nicoletti, Amministratore Delegato di Fondazione Cortina 2021. “Come Fondazione siamo molto soddisfatti della collaborazione che si è instaurata, del grandissimo supporto che abbiamo dalla FISI e di come si sono svolti i lavori. Le attività di questi primi mesi e i progetti presentati hanno avuto riscontro positivo e questo consenso è per noi fondamentale e ci aiuta ad accelerare nel perseguimento degli obiettivi Cortina 2021. Mi associo al ringraziamento della FIS al Commissario De Rogatis per il lavoro svolto insieme ai suoi collaboratori e per l’attenzione alle esigenze dei Mondiali di Cortina.”

incontro1920sett

19-20 Settembre, primo “Coordination Group Meeting”

By | News | No Comments

Il 19 e 20 settembre si svolgerà a Cortina D’Ampezzo il primo di una serie di incontri di coordinamento tra il comitato organizzatore di Cortina 2021, la FIS, Infront e FISI. Le due giornate saranno scandite da una serie di appuntamenti nel corso dei quali si farà il punto sulle attività svolte in seguito alla nomina di Fondazione Cortina 2021 come organizzatore dei Campionati del Mondo di sci alpino 2021 e si definiranno insieme le priorità per i prossimi 6/12 mesi.

È previsto un sopralluogo nelle aree dei futuri traguardi di Rumerlo e Drusciè, oltre al sito del TV compound di Ronzuos. Il meeting prevede poi approfondimenti sui temi di corporate governance della Fondazione, sullo stato di avanzamento dei lavori nelle aree sportive, sulle strategie di marketing e comunicazione, sull’area finanza e sull’area operations, con cenni ai temi della ricettività, dei trasporti e del reclutamento dei volontari.

Per i delegati della FIS e di Infront sarà anche l’occasione per incontrare i rappresentanti del Governo e delle Forze dell’Ordine, il Vice Commissario di Cortina e le associazioni di categoria.

Si tratta del primo di una serie di incontri di coordinamento che si svolgeranno con cadenza semestrale e che serviranno a condividere i progressi nelle attività e pianificare le azioni.

coppa_del_mondo

FISI e Fondazione Cortina2021 hanno incontrato l’associazione permanente Coppa del Mondo

By | News | No Comments

Si è svolto ieri l’incontro volto a definire i ruoli per le prossime edizioni della Coppa del Mondo.

La FISI, rappresentata dal Suo Presidente Flavio Roda, e la Fondazione Cortina 2021, rappresentata dal Presidente Riccardo Donadon e dall’Amministratore Delegato Paolo Nicoletti, hanno incontrato ieri l’Associazione Permanente Coppa del Mondo di Cortina, rappresentata dal Presidente Enrico Valle, dal Vice Presidente Igor Ghedina, dal consigliere Luigi Alverà e dal direttore di pista Fernando Nucciotti.

L’incontro, che si è svolto in un clima di cordialità, ha portato a definire i ruoli per le prossime edizioni di Coppa Del Mondo. Nello specifico l’organizzazione dell’evento dell’edizione del 2017 verrà portata avanti dall’Associazione Permanente Coppa del Mondo con la collaborazione della Fondazione Cortina 2021. A quest’ultima spetterà il compito di organizzare l’hospitality presso le aree di gara e gli eventi collaterali che si svolgeranno in città, in particolare un primo grande evento per celebrare Cortina, città ospitante dei Campionati Mondiali di Sci.

Le edizioni successive di Coppa del Mondo, nonché le finali del 2020, saranno gestite direttamente dalla Fondazione Cortina 2021 che ha condiviso con l’Associazione Permanente Coppa del Mondo l’utilità di un confronto e di una collaborazione volte a valorizzare le professionalità che si sono formate in questi anni.

ghedina1

Kristian Ghedina, un nome che non passa di certo inosservato

By | News | No Comments

Kristian Ghedina, classe 1969, è stato il più vittorioso discesista italiano nella storia della Coppa del Mondo di sci alpino, uno dei migliori specialisti degli anni ’90.

Il primo risultato di rilievo arriva nel 1989 in Coppa del Mondo, conquistando il terzo posto nella discesa disputata sulla Saslong della Val Gardena. Appena ventenne, nella stessa stagione arrivano anche le prime vittorie: il 3 febbraio a Cortina d’Ampezzo e il 15 marzo ad Are. A Saalbach-Hinterglemm nel 1991, sua prima presenza iridata, conquista la medaglia d’argento nella combinata e si piazza 9^ in Supergigante.

Dopo varie gare, la svolta avviene nella stagione 1994-1995: sale cinque volte sul podio, vince due gare e lottò fino all’ultimo per la conquista della Coppa del Mondo di discesa libera, vinta poi dal francese Luc Alphand. Nel 1996 ai Mondiali di Sierra Nevada vince l’argento in discesa libera e arriva quattordicesimo nel Supergigante. L’anno dopo conquista il bronzo – sempre in discesa libera – ai Mondiali di Sestriere, dove si classifica settimo in Supergigante.

Dopo aver partecipato ai XVIII Giochi Olimpici Invernali di Nagano 1998 e ai Mondiali di Vail/Beaver Creek 1999, in Coppa del Mondo dal 1997 al 2000 riesce a vincere gare ogni anno, rimanendo stabilmente ai vertici della discesa mondiale. In quelle stagioni stabilisce anche il record sulla pista da discesa più lunga della Coppa, la Lauberhorn di Wengen in Svizzera (2’24”23 nel 1997) e, il 24 gennaio 1998, ottiene uno dei successi più prestigiosi vincendo a Kitzbühel sulla Streif, primo italiano ad essere riuscito nell’impresa.

Nel 2000 arriva anche la prima vittoria in supergigante e a fine stagione risulta, come nel 1997, ancora quarto nella classifica generale di Coppa del Mondo e secondo in quella di Discesa Libera.

L’ultima vittoria è datata 14 dicembre 2001 quando, sulla Saslong della Val Gardena, Ghedina supera il norvegese Lasse Kjus e l’italiano Kurt Sulzenbacher. Su questo tracciato riuscì a imporsi per ben quattro volte come Franz Klammer, il più grande discesista austriaco di tutti i tempi.

St. Moritz 2003 e Bormio 2005 sono state le sue ultime apparizioni iridate e nella stagione 2005-2006, la sedicesima per Kristian, è stato l’atleta più anziano tra i partecipanti alla Coppa. Nel 2006 a Torino partecipa alla sua quinta e ultima Olimpiade. Il 26 aprile dello stesso anno annuncia il ritiro dalle gare di sci per dedicarsi all’automobilismo. A quasi tre anni dal ritiro, tuttavia, torna a gareggiare nello sci, partecipando ai Campionati italiani del 2009 a Passo San Pellegrino. Il 25 marzo 2009 si classifica sesto, a 79 centesimi dal vincitore Stefan Thanei nella gara di discesa libera. Nell’edizione del 2010 a Falcade si classifica 23°, nella sua ultima gara in carriera.

Ciao Kristian, grazie alla tua incredibile carriera non hai certo bisogno di presentazioni. È stato emozionante l’essere chiamato a sostenere la candidatura della tua città per i Mondiali di Sci Alpino per il 2021?

Sì, sono molto contento di essere stato coinvolto nella 5^ candidatura di Cortina, anche perché mi è stato chiesto di prendere parte in una squadra che mi è piaciuta fin da subito!

La passione per questo sport è sempre stata nel tuo DNA, quando ti sei reso conto che poteva diventare il tuo lavoro?

Lo sci è sempre stato una mia grande passione. Tutto quello che era discesa libera, salti, velocità…insomma le emozioni forti.

Ho seguito il classico percorso obbligato, mi sono allenato sempre tanto e duramente da giovane atleta fino ad arrivare in nazionale, migliorando continuamente ed ottenendo risultati abbastanza in fretta. A 20 anni avevo già vinto la mia prima gara di Coppa del Mondo e da lì ho iniziato a metabolizzare le opportunità che potevano prospettarsi. Successivamente sono arrivati i primi riconoscimenti (anche economici) e ho cominciato a pensare che lo sport poteva diventare il mio lavoro. Sai, inizialmente scii senza pensarci, lo fai per te e perché ti piace ed è la tua passione ma quando inizi a farlo a livello agonistico, hai sempre più ambizioni e non pensi ad altro che a migliorare. Tante sono state le rinunce che mi sono servite per crescere, fare carriera e mi hanno permesso di capire che lo sci stava diventando un lavoro vero e proprio. 

Il percorso da atleta è stato molto intenso e, una volta lasciato il mondo dello sci, dal 2010/11 sono tornato in pista come allenatore, un ruolo diverso ma inerente a quella che è stata la mia passione fin da bambino.

Come vedi il mondo dello sci oggi e com’è cambiato rispetto agli inizi della tua carriera?

Oggi sicuramente c’è molta più cura dei dettagli e dei particolari (così come in tanti altri sport). Una volta, invece, si era un po’ più “rudi” ed era tutto molto più spartano nei materiali, nei programmi di preparazione atletica, nell’alimentazione, nella psicologia, ecc…Era più naturale che uno sportivo di successo in questo settore fosse nato e cresciuto in paesi di montagna, oggi non è così: chiunque può emergere in questo sport. Sicuramente per i giovani è più faticoso perché è uno sport che richiede un grandissimo sforzo fisico ed economico, è oneroso per le famiglie portare i figli in montagna e seguirli costantemente.

Come mai ti sei ritirato? È stata una decisione sofferta?

Principalmente ho lasciato lo sci a causa di grandi problemi alla schiena. Ne ho sofferto da sempre, anche da giovanissimo a 18 anni quando ho iniziato a fare la Coppa del Mondo.

Di fatto non riuscivo più a sostenere i carichi di lavoro che lo sci e la preparazione atletica comportavano e mi sono reso conto che durante gli allenamenti invernali non riuscivo a lavorare come dovevo. Diciamo che con la forza fisica sopportavo i carichi, ma la colonna vertebrale e i dischi no. Negli ultimi 5 anni avevo iniziato a fare moltissima fatica, avevo diminuito del 30% la mia forza e la mia resistenza. Oltre a questo a incidere nella mia decisione sono state diverse cose: avevo già 36 anni, ero tra i più “anziani” anche se l’energia era ancora tanta ed ero il miglior italiano in classifica (10° nel ranking mondiale). Non sapevo da lì in poi che risultati sarei riuscito ad ottenere, così ho pensato che piuttosto che ritirarsi nell’ombra sarebbe stato meglio ritirarsi ad alto livello. E poi mi avevano offerto di andare a correre con le automobili, un’altra mia grande passione e sogno. Diciamo che sommando tutte queste cose, ho deciso che era il tempo di chiudere, anche se mi è dispiaciuto molto e ho fatto davvero tanta fatica. Magari torno per il 2021… :-)

Sicuramente l’assegnazione dei Mondiali a Cortina è per te motivo di grande soddisfazione, raccontaci da ampezzano cosa significa avere la possibilità di ospitare un evento così importante e cosa auguri alla tua città.

Mi dispiace molto non poter partecipare! :-) Mi reputo da sempre fortunato di aver vinto la prima Coppa del mondo in casa, ma vincere un Mondiale sarebbe stato fantastico!

Quello che porta il mondiale a Cortina è sicuramente un sentimento di grande soddisfazione, penso sia davvero un’ottima occasione per lo sviluppo di Cortina. Sarà motivo per tutta la cittadinanza di agire e darsi da fare per rivalorizzare il paese, già riconosciuto in tutto il mondo per la sua bellezza ma che ha la necessità di rinnovarsi nelle infrastrutture e migliorare.

Escludendo la spaccata, qual è la cosa più pazza che hai fatto sugli sci? 

In Argentina, nel 2000, ho rischiato di rimanere in sedia a rotelle. Ero in allenamento con la squadra, uno degli ultimi giorni sono andato a sciare con alcuni compagni, siamo andati a fare i salti in un’area snow park ed ecco, lì ho rischiato molto! Ero super attivo, super energico e facevo moltissime prove su me stesso. Mi sentivo in forza per affrontare delle sfide, mi mettevo costantemente in gioco perché mi divertivo e perché contavo sulle mie capacità e la mia forza, avevo un grande controllo del mio corpo. È successo che ho fatto un salto mortale, ho sbagliato e cadendo di testa mi sono rotto 2 vertebre e incrinato lo sterno. È stata una delle poche volte che ho preso paura in vita mia! Ho sentito due colpi secchi sulla schiena, una bruttissima sensazione! In quel momento mi ero già visto su una sedia a rotelle. Non riuscivo a respirare e quando sono riuscito a riprendere fiato, ho sperato di riuscire a sentire mani e piedi…e funzionavano! Lì mi è sembrato di rinascere! Mi dispiace perché quell’anno ero nel pieno delle forze, facevo dei tempi incredibili e potevo fare una stagione straordinaria, ho infranto il sogno di vincere finalmente la Coppa di Specialità, che è una cosa che mi manca e mi mancherà sempre. Ma oggi ci ridiamo sopra, per fortuna! :-)

cortina_estate

Fondazione Cortina2021, formalmente investita del ruolo di comitato organizzatore

By | News | No Comments

Si sono svolti ieri il Consiglio di Indirizzo e il Consiglio Esecutivo di Gestione della Fondazione Cortina 2021, completati con la nomina, in Consiglio di Indirizzo, di Federico Caner e di Roberto Bortoluzzi, e di Loretta Piroia, in Comitato Esecutivo di Gestione.

Cortina D’Ampezzo, 19 luglio 2016 – È trascorso poco più di un mese da quando la «Regina delle Dolomiti» si è aggiudicata a Cancun i Campionati Mondiali di Sci Alpino del 2021 e ieri la Fondazione Cortina 2021, riunitasi per il Consiglio esecutivo di gestione e il Consiglio di indirizzo, è stata formalmente investita dell’incarico di Comitato Organizzatore locale dell’evento.

In sede di Consiglio sono stati coinvolti diversi attori, che insieme hanno discusso e messo in luce quanto è stato realizzato in questi mesi e le attività necessarie per iniziare a realizzare il progetto. Inoltre si è proceduto alla nomina di alcuni rappresentanti di Consiglio che, prossimamente, vedrà l’ingresso di una nuova figura individuata da Carlo De Rogatis (Commissario Prefettizio al Comune di Cortina D’Ampezzo) in rappresentanza della città. Nello specifico le figure entrate a far parte del Consiglio di Indirizzo sono l’Assessore regionale Federico Caner ed il Presidente della FISI Veneto Roberto Bortoluzzi; mentre Loretta Piroia, responsabile dell’area tecnica sportiva della FISI, è entrata a far parte del Comitato Esecutivo di Gestione.

Tra le principali delibere la positiva definizione dei rapporti con il Comitato Promotore della candidatura 2019, a cui ancora una volta è andato il ringraziamento, in particolare al Presidente Enrico Valle, per aver creduto sempre in questi anni nella possibilità di portare i Mondiali di Sci a Cortina. A seguire si è analizzato l’andamento al 30 giugno 2016 che ha evidenziato come, questi mesi di candidatura, siano stati caratterizzati dall’impegno e dal supporto di diverse figure professionali che hanno messo, a volte anche gratuitamente, a disposizione la propria professionalità e le proprie competenze, ed è stato approvato un budget per il prossimi 12 mesi che possa garantire la massima operatività per questa prima fase molto importante.

Accanto a queste due importanti delibere, sono state presentate le prime ipotesi di organigramma e illustrate le attività in partenza necessarie alla progettazione e realizzazione dell’evento, con un probabile avvio dei lavori agli impianti già a partire da questa estate; si è definito il calendario degli incontri FIS (ufficialmente partirà con il Kick Off Coordination Group il 19/20 settembre); si è parlato inoltre della presentazione di una prima ipotesi di budget annuale; la formalizzazione dei primi incarichi relativi alla divisione infrastrutture e sportiva; nuovo logo e possibili accordi con stakeholders.

«Sono contento della nomina di queste nuove persone all’interno del Consiglio e sono convinto che lavoreremo molto bene anche con il Commissario Carlo De Rogatis, che fin da subito ha manifestato grande attenzione al progetto. Oggi abbiamo tracciato un nuovo inizio, con un team sempre più compatto e mosso dall’obiettivo comune di organizzare un grandissimo evento sportivo – spiega Riccardo Donadon, Presidente della Fondazione – Quanto emerso oggi, è solo l’inizio di molteplici attività necessarie a mettere in moto la macchina organizzativa dei Mondiali, ai quali ci dedicheremo con grande impegno cercando di porre la massima attenzione verso il territorio, accompagnandolo verso un importante processo di crescita e cambiamento».

Per qualsiasi informazione su Cortina 2021 non esitare a contattarci a info@cortina2021.com